Crea sito

Gruppo Famiglia

Nel mese di novembre del 2002, alla fine del corso di preparazione al matrimonio, sette coppie di fidanzati chiesero al Parroco dell’epoca, Don Enrico Trombino, di poter continuare ad incontrarsi per approfondire le tematiche legate alla vita coniugale, alla luce della parola di Dio.

Per preparare e continuare questi incontri il Parroco si avvalse della collaborazione dei coniugi che curarono e curano il predetto corso prematrimoniale, Fernando e Angela Orrico. Il Gruppo si chiamò, inizialmente, “Giovani Coppie di fidanzati”, poi “Giovani coppie”, “Gruppo famiglie giovani” ed oggi “Gruppo Famiglia“.


 

In questi 13 anni tante coppie e famiglie si sono avvicinate e poi allontanate, però alcune sono rimaste. Da ottobre a maggio, ogni venerdì, ci si riunisce per parlare, discutere e affron­tare diverse tematiche legate alla famiglia. Infatti il Gruppo è aperto a tutti: un laboratorio d’atti, fatti, idee ed esperienze portate a “fattor comune”.

Oggi la guida spirituale è garantita dal Parroco, Don Salvatore Fuscaldo.

Gli incontri cominciano sempre con l’annuncio della Parola, legata ad un “Fil Rouge” (tema), che accompagna il Gruppo durante l’anno.

L’argomento è vagliato e condiviso da una “Equipe” del Gruppo, incaricata di organizzare, anche, i ritiri Spirituali (3 annui), ed animare la S. Messa, quando viene richiesto dal Parroco.

Il gruppo offre il proprio contributo d’idee e persone in seno al Consiglio Pastorale ed Economico della Parrocchia.

Diverse famiglie offrono la propria disponibilità ad essere catechisti/e ed a preparare ai Sacra­menti del Battesimo, della Comunione e del Matrimonio.


Oggi il Gruppo è composto di oltre tredici famiglie: cinquanta persone, figli compresi. Questi ultimi, sia durante gli incontri del venerdì che nei Ritiri Spirituali, sono seguiti in varie attività (per fasce d’età) da educatori specializzati.

Il fine principale è considerare l’altro/a un dono. Il modello è Cristo Crocifisso e Risorto. Il mezzo ispirato, efficiente ed efficace è il Vangelo. L’atteggiamento relazionale è l’ascolto vitale, dialogico, umile ed accogliente: sempre pronto a ricominciare di nuovo, camminando insieme ed in cordata.

Il clima che si deve respirare è quello “familiare”: membri uniti e viventi nell’unica persona. Gesù.

Termine ultimo: gioiosa familiarità, unica mensa, unici cibi, parola e pane in questa vita terrena ed in quella celeste: l’Amorosa Trinità, perfetta Famiglia.